PROGETTO T      
CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO    
   

Nel 2015 Gli Omini sono stati un mese alla Stazione di Pistoia, sui binari.
Hanno parlato con la gente. Hanno incontrato alcuni pendolari, molti ex carcerati, altrettanti in libertà vigilata, piccioni, studenti confusi, marchettari, gente che non ha più la macchina, coppie di ogni tipo, amore in ogni forma, piccioni, tossici, barboni suonatori di mandolino, donne che alla stazione leggono e poi parlano come un libro stampato, piccioni.
Gente che si nasconde, che tende ad essere dimenticata, gente che si guarda con la coda dell`occhio. Gente che guarda i treni passare e deve stare lontano dalla linea gialla. Mentre si rammenta che il treno che stanno aspettando è passato su un altro binario.

   
 
SCHEDA  
     
       
PROGETTO T      
LA CORSA SPECIALE    
   

Nel 2016 il Progetto T si sposta sul treno Pistoia-Porretta. Una tratta sospesa nel tempo e sopra i dirupi. Gli Omini insieme all`Associazione Teatrale Pistoiese hanno creato un evento unico e irripetibile. Un treno speciale partiva per il pubblico al tramonto dalla Stazione di Pistoia in direzione Porretta. Viaggiava in salita per una ventina di minuti attraversando boschi e cavalcando ponti vertiginosi. Si fermava a Castagno. Per vedere uno spettacolo tra due gallerie, un bosco che non è di castagni, un prato di muschio e i binari.
Nel 2018 La corsa speciale si è trasformata ne La cena speciale, una cena tra i vagoni antichi del Deposito Rotabili Storici, che abbinava il menù arrivato dal km 12 della Porrettana alle storie raccolte due anni prima sul treno. Storie d`amore, poesia e uccellacci.

   
 
   
     
       
PROGETTO T      
IL CONTROLLORE    
   

Nel 2017, al suo terzo anno, il Progetto T prosegue il suo naturale cammino sulla strada ferrata, da Porretta fino a Bologna.Diciassette fermate in tutto. Diciassette piccoli mondi visti dal finestrino. A bassa velocità. Qui è andata avanti la ricerca sugli uomini lungo i binari.
Tutti sono insieme, senza rendersene conto. Sotto l’occhio attento, o distratto, o distrutto dei controllori. In treno succede di tutto. E i controllori passano e controllano.
Il treno di notte si è fermato. O forse non era neanche notte. E nemmeno un treno. Erano anni difficili da capire. Non si riusciva a distinguere una mosca da un regalo, un sacchetto da una donna, un idiota da un eroe. Era buio, quello si vedeva, o meglio, non si vedeva.

TRAILER IL CONTROLLORE

   
 
SCHEDA  
     
       
Mený
     privacy   p.i. 01549600474